Skip to main content

Con la L. 208/2015, entrata in vigore all’inizio del 2016, l’Italia è stata il primo Paese, dopo gli USA, a introdurre la possibilità per le Società di assumere lo status di Società Benefit (SB).
Ad oggi, il modello di SB è stato adottato da circa 3.600 aziende italiane.
Le SB rappresentano un modello societario innovativo, in un contesto dove la sostenibilità è entrata nel vocabolario di imprese, istituzioni e cittadini e permettono di focalizzare lo scopo aziendale, la cultura dell’organizzazione, rivedere i prodotti e i processi, collegando il profitto con la creazione del beneficio comune.
Pratiche aziendali responsabili e orientate all’ambiente possono contribuire alla creazione di comunità più resilienti e all’attuazione di cambiamenti positivi. Investire in iniziative sostenibili migliora la reputazione aziendale e ha un ruolo cruciale nel preservare le risorse naturali, promuovendo la giustizia sociale e stimolando una crescita economica equa.
Roma Capitale ha lanciato un progetto, denominato “Un’Impresa Comune”, nato dalla collaborazione con l’Assessorato alle Politiche della Sicurezza, Attività Produttive e Pari Opportunità del Comune e la Regenerative Design Company NATIVA con l’obiettivo di rendere la città di Roma, entro il 2030, capitale mondiale delle SB.
Attualmente sono 271 le SB attive sul territorio di Roma, in forte aumento dal 2018 ad oggi.